Articolo in evidenza

Benvenuti

7

Benvenuti nel sito di Grazia Secci. Troverete una galleria  d’immagini, della Flora Sarda, principalmente del territorio di Siliqua (Sardegna sud-occidentale), e del Territorio costiero del Sulcis, immagini di piante, fiori, frutti, semi. Una sezione è dedicata ai racconti ispirati alle testimonianze di persone del luogo.

Visite: 767

Sere d’estate a Guturu arrujas

Sere d’estate a Guturu arrujas

Gutturu arrujas (15)In quegli anni, mio padre, lavorava lungo linea, come capo squadra nelle F. M. S. In un primo momento ci assegnarono la cantoniera di Campanasissa, dove c’era l’unica stazione intermedia tra Siliqua e S. Giovanni Suergiu, ma poi andammo a Gutturu arrujas .
In famiglia eravamo cinque figli più i genitori, ma nella cantoniera abitavamo in quattro, mamma, babbo, mia sorellina ed io, poiché i nostri fratelli maggiori erano sposati,
Degli anni trascorsi a Gutturu arrujas ho ricordi bellissimi, ma ciò che ricordo più volentieri sono le sere d’estate. Continua a leggere

Visite: 892

Lungo linea

Copia di Cavolina 093 Questa è una storia da raccontare seduti attorno a un bel camino acceso. Noi oggi, la raccontiamo così, socchiudendo solo un po’ gli occhi, per ricreare l’atmosfera d’allora. 

Allora, era il 1930, la loro famiglia, i genitori e gli ultimi cinque figli, abitavano nella cantoniera di “Gutturu arrujas”. Tutte le cantoniere delle “F. M. S.”, lungo la linea ferroviaria che da Siliqua portava a Calasetta, con diramazione a S. Giovanni Suergiu per Iglesias, erano abitate da “Cantonieri”, con le loro famiglie. Continua a leggere

Visite: 810

Il Fico d’India

Opuntia ficus-indica z 3 (2)

L’avevamo quasi dimenticato il vecchio,”intoccabile”, sorprendente Fico d’India.

OPUNTIA FICUS-INDICA

L’avevamo quasi dimenticato il vecchio,”intoccabile”, sorprendente Fico d’India.
Tanto vecchio non è, considerando che è arrivato da noi solo “500” anni fa. A mani nude intoccabile sempre, per via delle sue minuscole spine uncinate. Sorprendente, per le nuove evidenze mediche, a conferma delle già conosciute proprietà. Continua a leggere

Visite: 913

Sa pertudeddh’e su tasuru- Il canale dell’Alaterno

Pancratium illyricum (1)

SA PERTUDEDDH’E SU TASURU – IL CANALE DELL’ALATERNO

La vista che avevo davanti a me era incredibile, un susseguirsi di gigli fioriti fin su in cima…

Il rumore della pioggia, stamane, mi ha svegliato con tale dolcezza, che non ho provato alcun senso di disappunto pensando che neanche oggi saremmo andati in giro, nei siti dove penso di trovare alcune piante fiorite da fotografare. Continua a leggere

Visite: 837

Primi passi fra le erbe di…Siliqua

…era come se attorno a me fosse piovuto…

I motivi che mi hanno spinta ad iniziare quest’avventura sono tanti, così come sono tanti i progetti che si sono avvicendati, sostituendosi l’un l’altro man mano che il lavoro cresceva. Uno di questi motivi, è il mio interesse per l’ambiente che ci circonda e ci permette una vita sana, il mio sempre rinnovato stupore davanti agli incredibili colori che, nell’avvicendarsi delle stagioni mutano la natura, davanti alla forma di una foglia, al colore di un fiore, alla magia di un soffione, che da sfera perfetta si divide in cento o mille semi con piumino, che volano in direzioni diverse a trovare nuova dimora per una prossima fioritura. Continua a leggere

Visite: 929

L’ultimo pescatore

Lythrum salicaria aw 1 (1)

L’ultimo pescatore

Passando nelle giornate di nebbia lungo l’argine del Rio Cixerri, quando le sue acque scendono tumultuose a valle…

Passava spesso davanti casa mia, una figura alta e dinoccolata, la schiena un po’ curva sotto il peso dello zaino, le braccia protese sul manubrio e le lunghe gambe impegnate in lunghe e regolari pedalate, era l’ultimo pescatore di Siliqua. Continua a leggere

Visite: 865

L’asino Pasquale va in convento

L’asino Pasquale va in convento

…se ti comporti bene, quando sarai vecchio, ti manderò all’ospizio dalle suore!»

Una trentina d’anni fa, lavoravo alle dipendenze di un possidente che aveva terreni e bestiame, e il mio lavoro consisteva nel fare un po’ di tutto.
Lavoravo alle sue dipendenze da qualche anno, quando un giorno mi chiamò e mi disse: «Devo farti una proposta, porteresti Pasquale ad Iglesias, in un convento di suore alle quali l’ho venduto?» La proposta mi lasciò un po’ perplesso, ma ero abituato a dire “si” e così risposi anche quella volta. Continua a leggere

Visite: 799